La visione della donna da vicino

Il quartiere degli affari deve somigliare all’idea che la gente si è fatta di Wall Street così come il modello della donna sexy finisce con l’essere il travestito. Questi, infatti, si costruisce e si rappresenta non in quanto donna ma come puro oggetto dei desideri del maschio. Senza i vincoli dati dalla natura e costruendosi artificialmente, il travestito intercetta e interpreta, estremizzandoli come in tutti i sogni, i desideri maschili. In tal maniera, egli interpreta il richiamo sessuale dell’iper-realtà ed impone alla realtà vera – alla donna – di imitare l’immaginario – il travestito -.

Giandomenico Amendola
La città postmoderna – Editori Laterza 1997

La visione della donna da vicinoultima modifica: 2013-08-28T21:19:18+00:00da cg.apetta
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in aforismi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento